Cos’è il diabete mellito di tipo 1?

Il diabete mellito di tipo 1 (T1DM)1, 2 è una malattia del metabolismo dello zucchero (glucosio), caratterizzata dall’aumento cronico dello stesso nel sangue (iperglicemia). Si tratta di una malattia che si manifesta generalmente durante l’infanzia o l’adolescenza e ha una causa autoimmune, cioè è dovuta alla produzione di autoanticorpi che vanno ad attaccare le cellule beta del pancreas, responsabili della produzione di insulina. La conseguenza di questo attacco immunitario è la progressiva riduzione della produzione di insulina da parte delle cellule beta fino alla sua completa cessazione.

Al momento non esiste una cura definitiva per il diabete di tipo 1.

I bambini e gli adolescenti con diabete devono iniettarsi l’insulina almeno 3-4 volte al giorno, prima di ciascun pasto principale e prima di andare a letto.

Inoltre, i bambini e i ragazzi con diabete hanno la necessità di effettuare il controllo della glicemia con regolarità durante la giornata per decidere la quantità di insulina da somministrare, per verificare la correttezza della dose effettuata o controllare in caso di malesseri che possano far sospettare livelli troppo alti o troppo bassi di glucosio nel sangue.

I sintomi del diabete mellito di tipo 1 possono insorgere rapidamente (giorni), oppure, come avviene nella maggior parte dei soggetti, in maniera più lenta (mesi).

Molto spesso si tratta di una sintomatologia sfumata e poco specifica, che può essere responsabile di un ritardo nella diagnosi, soprattutto nei bambini più piccoli.

I sintomi sono dovuti alla scarsità o assenza di insulina che impedisce all’organismo di utilizzare il glucosio per produrre l’energia necessaria al suo funzionamento. Il glucosio, quindi, viene eliminato dal corpo attraverso le urine. Si verifica, perciò, un aumento di volume urinario (il bambino va spesso in bagno), con conseguente aumento della sensazione di sete (il bambino beve molto di più rispetto al solito) e un calo di peso improvviso dovuto al fatto che non vengono trattenute le sostanze nutritive.

In Italia le persone con diabete di tipo 1 sono circa 300.000 e l’incidenza di questa condizione è in aumento in tutto il mondo (tra il 2001 e il 2009 l’incidenza di diabete di tipo 1 nei soggetti al di sotto dei 20 anni è aumentata del 23%, il che significa che il numero dei giovani ai quali viene diagnosticato il diabete di tipo 1 cresce del 3% ogni anno)3.

Bibliografia

  1. Hanas, R., et al., Global IDF/ISPAD Guideline for Diabetes in Childhood and Adolescence. 2011: p. 132
  2. Alberti, K.G. and P.Z. Zimmet, Definition, diagnosis and classification of diabetes mellitus and its complications. Part 1: diagnosis and classification of diabetes mellitus provisional report of a WHO consultation. Diabet Med, 1998. 15(7): p. 539-53.
  3. Sito web Ministero della Salute

Contattaci

Vuoi avere info su Sono un T1po? compila il form e ti risponderemo il prima possibile. Grazie

Not readable? Change text. captcha txt